Home > Blog > news > Green Pass obbligatorio per bambini: dove serve e le regole in Italia

Green Pass obbligatorio per bambini: dove serve e le regole in Italia

Da venerdì 6 agosto 2021, anche in Italia, scatterà l’obbligo di esibire il Green Pass per accedere a diverse attività ed eventi. Il Decreto Legge del 22 luglio 2021, mette in chiaro anche che Il certificato vaccinale, o, in alternativa, un test negativo nelle ultime 72 ore oppure il certificato di guarigione, sarà necessario anche per i bambini e i ragazzi di almeno 12 anni di età.
In questo articolo cercheremo di di fare chiarezza su come funziona il Green pass per i minorenni, bambini e ragazzi.

Già obbligatorio per partecipare ai matrimoni e per andare a fare visita agli anziani nelle case di riposo, il Green pass in Italia servirà in molteplici occasioni come entrare in locali al chiuso, partecipare a eventi dove ci sono molte persone, ma anche per spostarsi attraverso il paese per le vacanze.
Più nello specifico, il Green Pass verrà richiesto per entrare:

  • al cinema e a teatro
  • nei musei
  • nelle palestre e nelle piscine
  • allo stadio
  • ai concerti
  • alle fiere e ai congressi
  • ai concorsi
  • nei centri termali
  • e al bar, nei ristoranti, nei pub e nelle pizzerie se si vuole consumare all’interno

Rimangono escluse, e quindi a libera circolazione, attività come: gli alberghi, i negozi, i centri commerciali, i parrucchieri e centri estetici, i mezzi pubblici, le chiese e non sarà richiesto al bar, ristorante, pub o pizzeria se si consuma la propria ordinazione al banco o all’aperto.

Ma come funziona per i bambini e i ragazzi il Green Pass in Italia?

Le regole sono chiare: il Green pass è obbligatorio per i bambini dai 12 anni in su, ovvero dall’età minima consentita per effettuare la vaccinazione. La certificazione verde, però, non dev’essere intesa come un obbligo alla vaccinazione perché, quanti non si vaccineranno, per accedere ai servizi e agli eventi che abbiamo elencato prima, potranno scaricare il Green pass anche con un tampone negativo, oppure con il certificato di avvenuta guarigione.

Il Green pass e tutte le sue disposizione, come spiega il testo del decreto: “non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale”. Via libera quindi per i bambini under 12 anni che possono accedere ovunque: il Green pass è effettivamente facoltativo.

Se ugualmente si desidera dotare i bambini di Green pass, soprattutto in vista di viaggi all’estero con la famiglia, è giusto sapere che:

  • da 0 a 2 anni, non è neanche previsto dal protocollo di legge, non si può fare richiesta
  • da 2 a 6 anni, è possibile richiederlo e non serve effettuare il tampone per riceverlo. In realtà, si sta ancora studiando un regolamento comune, quindi è consigliabile seguire le indicazioni del paese che si vuole visitare
  • da 6 a 12 anni, è possibile ottenere il Green pass con tampone negativo o certificato di avvenuta guarigione

Dove si scarica il Green pass per i bambini?

Per ottenere il Green pass è sufficiente essere stati sottoposti ad almeno una dose di vaccino, la sua validità infatti scatta al 15° giorno dopo la prima vaccinazione.
Un messaggio SMS dal Ministero della Salute comunicherà il codice per scaricare il Green pass sullo smartphone grazie all’app Immuni, ma anche sul sito del Governo www.dgc.gov.it e accedendo al fascicolo sanitario elettronico regionale.

Resta esclusa per i bambini, per cui l’identità SPID non è prevista, la app Io.

Ma adesso, andiamo più sullo specifico e cerchiamo di capire meglio, quali attività, eventi e luoghi prevedono di richiedere il Green pass anche ai bambini.

In quali luoghi per bambini è richiesto il Green pass?

Dal 6 agosto 2021, come la legge impone, tanti luoghi dedicati ai bambini richiederanno il Green pass all’ingresso.
Facciamo chiarezza e scopriamo quali saranno per organizzare al meglio l’estate in famiglia.

Al cinema

Per vedere i prossimi film Disney e Pixar con tutta la famiglia, sarà necessario presentare la certificazione verde in biglietteria contestualmente all’acquisto del biglietto. I cinema infatti, sono uno dei luoghi in cui, oltre alle classiche precauzioni e norme anti contagio, sarà possibile accedere solo con il Green pass, bambini e ragazzi sopra i 12 anni compresi.

In piscina

Le piscine, come le palestre, al coperto, sono luoghi per cui è richiesto il Green pass anche per i minorenni. Via libera però alle piscine all’aperto. Un altro discorso però è previsto per le piscine all’aperto costruite dentro a parchi a tema…

I parchi a tema

Ebbene sì, nonostante la maggior parte delle attività siano all’esterno, anche i parchi divertimenti come Gardaland, Mirabiliandia, Etnaland, ma anche i parchi acquatici come Aquafan di Riccione e Aquapark richiederanno un Green pass valido all’ingresso a tutti i bambini e ragazzi di almeno 12 anni di età.

In alcuni casi, la struttura richiede anche la firma di un patto di responsabilità da parte dell’adulto che accompagna i bambini.

Aree gioco all’interno e Family Center

Le sale giochi, le aree attrezzate per bambini e i family center al chiuso dove si poteva organizzare le festicciole di compleanno per i bambini hanno recentemente potuto riaprire l’attività. Dal 6 agosto, anche queste strutture, dovranno richiedere il Green pass in fase di accesso.

Zoo e Fattorie didattiche

Sembra che per visitare i grandi zoo italiani come il Bioparco di Roma, lo ZooSafari di Fasano o il Parco Natura Viva di Bussolengo non sia necessario mostrare il Green pass all’entrata. Questa indicazione può ritenersi valida anche per le Fattorie didattiche con attività per bambini e famiglie alla scoperta degli animali.

Acquario e Musei

Tra le strutture che per prime vengono citate nella normativa per l’attivazione del Green pass, ci sono i musei, compresi i musei per bambini come il MuSe di Trento, il MuBa di Milano, Explora di Roma e la Città delle Scienze di Napoli. Dal 6 agosto 2021, all’ingresso di queste strutture, il personale museale dovrà verificare la validità del Green pass a ogni visitare di almeno 12 anni d’età.

Stesse regole saranno seguite anche all’ingresso dei grandi acquari italiani come l’Acquario di Genova e l’Acquario di Cattolica: green pass obbligatorio per la visita.


Questo articolo segue le notizie in evoluzione del panorama italiano ed è quindi in continuo aggiornamento, amplieremo con news e approfondimenti quando sarà necessario.

In ogni caso, la certificazione verde, è necessaria solo per gli adulti accompagnatori e per i ragazzi maggiori di 12 anni. Quindi prima di organizzare una gita o una giornata al parco divertimenti, è meglio leggere con attenzione le indicazioni della struttura che si è scelto di visitare.